Non tutti i mandorli sono in fiore

remare ancora

Da qualche settimana ci stiamo abituando a ripensare la Cina come un’opportunità, i dati macro e gli andamenti di borsa sembrano confermare questa posizione. Quando si entra in questo atteggiamento mentale, il rischio è di innamorarsi dei propri convincimenti. Meglio ogni tanto ricordarsi di guardare le cose in un altro modo, per quanto possa dar fastidio rimettersi continuamente in discussione. In un nuovo studio realizzato da Standard & Poor’s che soppesa il livello degli investimenti nelle principali economie del globo, si capisce già dal titolo quale sia la sentenza: “L’eccesso degli investimenti: alto per la Cina; medio per Australia, Canada, Francia e la maggior parte dei Brics“. Se siano eccessi o progressivi riposizionamenti strategici ce lo dirà solo il tempo. S&P evidenzia, doverosamente, che:

“L’economia cinese e le economie che hanno investito troppo rispetto ai rendimenti ottenuti, potrebbero essere colpiti da una correzione economica, se il ciclo degli investimenti sperimentasse una recessione.”

Potrebbe essere anche nella consapevolezza di questo che il nuovo politburo di Pechino ha mostrato tanta determinazione verso la spinta economica, come abbiamo recentemente raccontato. Fatto sta che tra le 32 economie considerate nello studio di S&P, in cui sono comprese le 20 più grandi, viene fatto un raffronto tra il ratio investimenti/crescita PIL rispetto al PIL reale, e vengono suddivisi i Paesi in 4 macro-categorie: alto, medio, basso e minimo.

La Cina, come spesso le succede, sta in cima alla classifica. Il fatto è, però, che le categorie indicano il livello di rischio di correzione dell’economia dovuto all’eccesso di investimenti.

Related Posts with Thumbnails
Word To PDF    Invia l'articolo in formato PDF   

About bimboalieno

Operatore finanziario professionale dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere. Si può scoprire dell'altro cliccando qui. Oggi é responsabile di un centro di Private Banking. Professional financial trader since 1998; he has worked with several Italian and foreign banks. You can learn more here. Bimboalieno is currently in charge of a Private Banking centre.