La lavagna dei desideri


Un artista di nome Candy Chang ha dato vita a Chicago ad una edificante iniziativa intitolata “Before I die” (prima che io muoia): le pareti della città vengono trasformate in lavagne, in cui viene lasciato lo spazio per completare la frase “before I die…”, in questo modo i desideri dei cittadini diventano parte permanente del paesaggio urbano.

Thanks to Marion Sarah Tuggey’s translation this topic
is also available in English click here for English version


Se le imprese italiane potessero avere a disposizione una lavagna del genere, con ogni probabilità vedremmo ripetuto frequentemente un desiderio: che la pubblica amministrazione proceda ai pagamenti, dando liquidità ai creditori.
In questa fase di credit crunch, cioé di riduzione del credito che le banche riconoscono alle imprese, l’incasso celere per i lavori già eseguiti é di fondamentale importanza.

Oltretutto i crediti verso la pubblica amministrazione non vengono nemmeno cartolarizzati: non esistono cioé strumenti per farsi dare dalle banche la liquidità che si incasserà dagli enti pubblici quando questi provvederanno ai pagamenti, né esiste modo di cedere questi crediti.
Qualcuno fa considerazioni del tipo “Se la PA sarà obbligata a saldare in tempi brevi i suoi debiti, avremo semplicemente un calo degli appalti“, ma l’Unione Europea minaccia sanzioni all’Italia per la lentezza con cui i debiti della PA vengono pagati, e la direttiva europea impone come termine massimo 30 giorni (su alcune eccezioni sono concessi 60 giorni). La mora, per i pagamenti ritardati, é fissata nella misura di un interesse dell’8%. Trascorsi 90 giorni l’autorità giudiziaria dovrà emettere decreto ingiuntivo.


Secondo il vice presidente della Commissione europea, Antonio Tajani:

La direttiva europea deve essere recepita in tutta Europa entro il prossimo 13 marzo. Non ci sono artifici: deve essere recepita nella sua interezza. A fronte di ritardi o mancanze da parte dei singoli Paesi sarà inevitabile l’apertura di una procedura di infrazione. Su questo sarò fermo, determinato e severo. L’Italia deve recepire la direttiva. Il ministro Passera si é impegnato affinché il recepimento avvenga entro il prossimo mese di novembre. In questo modo sarà possibile salvare migliaia di piccole e medie imprese e migliaia di posti di lavoro.”


La questione coinvolge anche l’azione delle banche, come dicevamo. Il vicepresidente dell’ABI, Pirovano:

Stiamo lavorando alacremente in merito allo sblocco dei crediti maturati dalle imprese nei confronti della Pubblica amministrazione; credo che entro fine anno si potrà partire

Lo sperano tanto anche tutte quelle imprese che…

Related Posts with Thumbnails
PDF    Invia l'articolo in formato PDF   

About bimboalieno

Operatore finanziario professionale dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere. Si può scoprire dell'altro cliccando qui. Oggi é responsabile di un centro di Private Banking. Professional financial trader since 1998; he has worked with several Italian and foreign banks. You can learn more here. Bimboalieno is currently in charge of a Private Banking centre.