Fine Impero

Cosa spingerà allo sperpero sfrenato del denaro pubblico una classe politica così spudoratamente ignorante? Il senso di impunità? La sicurezza che la cuccagna prima o dopo finisce e allora tanto vale esagerare?

Com’é successo che gente simile si trovi a gestire il denaro pubblico?

Thanks to Marion Sarah Tuggey’s translation this topic
is also available in English click here for English version

Com’é possibile che un Presidente di Regione abbia uno stipendio più alto del Cancelliere tedesco? E che una Regione spenda sette volte il fatturato della Ferrari, il tutto facendo tagli severissimi alla Sanità?

Questi personaggi sono i rappresentanti di chi? Della cittadinanza? Sono i titolari della legittima espressione democratica usurpata dai tecnici? Dall’illegittima espressione dei Poteri Forti? Cioé questi -per differenza- sarebbero i poteri deboli? O sono semplicemente poteri corrotti?

Feste e festini, SUV, consulenze, caviale e ricci di mare, convegni da migliaia di euro intitolati “Damose da fà” sono i giusti privilegi di chi ha il gravoso compito di amministrare un corposo ente pubblico? Ci sarà forse, sotto sotto, anche qui lo zampino dei veri artefici delle difficoltà del BelPaese: gli speculatori e Goldman Sachs?

Possibile che un Presidente di Regione (e scusate se mi rifiuto di usare il termine “Governatore” ma qui non siamo negli Stati Uniti) possa partecipare a serate del genere e poi asserire con sicumera:

“Arriviamo qui puliti, la giunta ha operato bene e ha portato risultati importanti. La giunta interrompe la sua azione a causa di un Consiglio che non considero più degno. Questi signori li mando a casa io senza aspettare ulteriori sceneggiate, con questi malfattori io non ho nulla a che fare. Arriviamo qui puliti mai avrei immaginato che con quelle ingenti risorse tutti, nessuno escluso, facessero spese sconsiderate ed esose. Ho aspettato oggi anche per vedere le falsità dell’opposizione. Oggi potevano consegnare le loro dimissioni al segretario generale della Regione Lazio: né Pd, né Idv, né Sel lo hanno fatto, ma hanno tentato di scaricare le responsabilità sulla giunta”.

Franco Fiorito, meglio noto come “er batman“, il deposto capogruppo del partito di riferimento della giunta, sottolinea di essersi trovato in un sistema che, al contrario delle attuali necessità, non puntava assolutamente al risparmio; ha infatti agito secondo la legge e per questo respinge ogni accusa. E magari, dal punto di vista formale, ha pure ragione: ha sperperato nel pieno rispetto delle regole. Al punto che può serenamente asserire “embé? Io me ricandido, perché non dovrei?”. Già, perché non dovrebbe?….
Vi propongo un documento audio esclusivo, nell’intento di comprendere meglio il fenomeno:

Cerchiamo di sorriderci anche un po’ sopra perché davvero c’è di che preoccuparsi ed infuriarsi. Questi sono i personaggi che alimentano gli istinti scissionisti, quelli che “il nostro problema é l’Europa“, quelli che “Affrontiamo un massacro di cultura e tradizioni solo per calmare i mercati finanziari, soddisfare la BCE e per accelerare il pareggio di bilancio” al punto che proprio Franco Fiorito era balzato agli onori della cronaca come protagonista dell’autoproclamato Principato di Filettino, piccolo ma antichissimo comune ciociaro di quasi 600 abitanti che, quando i tagli del Governo si concentrarono sui piccoli municipi, per salvare la sua secolare autonomia, chiese (con il supporto dell’avv. Taormina) la scissione dallo Stato per passare all’autogoverno, battendo moneta propria: il …”fiorito” appunto… Ah, la sovranità monetaria, la panacea di tutti i mali. Altro che i sacrifici del governo Monti… Cittadini votate la libertà, la sovranità, é ora di finirla con questa storia dei tagli! Siete uomini o caporali forbici?

Me li ricordo gli applausi all’iniziativa. Erano le stesse mani che ora vengono sbattute sul tavolo per l’indignazione.
Ma la soluzione non é, non può essere, “mandarli via tutti”. Polverini e la sua giunta sono arrivati qualche tempo fa proprio per dare un totale ricambio alla precedente giunta Marrazzo.
Non basta cambiare le facce, se serve solo ad avere nuovi bersagli per la nostra rabbia. Occorre un cambiamento culturale, a cui anche noi dobbiamo contribuire. Perché questa politica che alimenta e si alimenta di ignoranza


…Ahi, come soffrono le coscIenze…



firmato “il coordinatore educativo”

rappresenta gli Italiani più di quanto siamo disposti ad ammettere, basta darsi un’occhiata in giro:










Roba da perdere la pazienza, perché si sa…

Related Posts with Thumbnails
Word To PDF    Invia l'articolo in formato PDF   

About bimboalieno

Operatore finanziario professionale dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere. Si può scoprire dell'altro cliccando qui. Oggi é responsabile di un centro di Private Banking. Professional financial trader since 1998; he has worked with several Italian and foreign banks. You can learn more here. Bimboalieno is currently in charge of a Private Banking centre.