Influenza e altre malattie

Thanks to Marion Sarah Tuggey’s translation this topic
is also available in English click here for english version

Al meeting The State of the Net tenutosi oggi a Trieste si é parlato di internet, di new media, di social network, di blog… e di influenza (No, non il virus, quello su internet viene trattato in altro modo). Quali siti e quali blogger sono in grado di influenzare -settore per settore- le opinioni degli utenti in Italia?
Non vi nascondo un certo stupore quando si é giunti a parlare del settore finanziario e la “mappa” ha rivelato che un blogger italiano, tale “bimboalieno”, risulta essere più influente in ambito finanziario de ilsole24ore.com o milanofinanza.it. (nella mappa -una tag cloud- la dimensione del carattere é proporzionale alla “dimensione” dell’influenza).
Il video qui sotto racconta la sezione della conferenza che ci riguarda, se volete potete correre direttamente al minuto 30:00 oppure ascoltare tutto il discorso.

Cosa trarne? Innanzitutto un grazie a tutti voi che leggete, commentate e condividete, tenendo sempre “vivo” questo spazio e stimolandomi anche con le critiche a ricercare nuovi modi di esprimere quello che penso e che ritengo necessario diffondere.

E ora vediamo di meritare la vostra considerazione e l’influenza che ne deriva:

un lettore -nel post precedente- commentava così a proposito dell’idea di una maggiore integrazione europea:

permettere a strutture sempre più al di fuori delle economie statali e o locali(non si interessano molto del blocco della liquidità) che possano incrementare ulteriormente i debiti e appiopparli ai popoli di entità sempre più grandi (…per fallire…) mi sembra una boiata con molti precedenti e soprattutto non mi sembra discontinuo rispetto all’errato comportamento che ha generato tutto questo.

Immagino che il dubbio ce l’abbiano anche altri, e che manchi una sottolineatura, qualcosa che -dandolo per scontato- lascia aperta la porta a pregiudizi infondati: lo scopo di aumentare l’integrazione europea non mi pare che sia collegato a quello di “incrementare ulteriormente i debiti” ma di stabilizzare la situazione corrente affinché il percorso di riduzione del debito possa essere affrontato, dopo essere stato dichiarato necessario. Senza una maggiore integrazione europea, a quanto pare, il tempo di procedere ad un percorso di risanamento non ci sarebbe ed il solo modo diventerebbe inesorabilmente quello rapido e traumatico che un popolo ad alto tasso di dipendenti pubblici e di pensionati non dovrebbe esser troppo gradito…

Related Posts with Thumbnails
PDF Creator    Invia l'articolo in formato PDF   

About bimboalieno

Operatore finanziario professionale dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere. Si può scoprire dell'altro cliccando qui. Oggi é responsabile di un centro di Private Banking. Professional financial trader since 1998; he has worked with several Italian and foreign banks. You can learn more here. Bimboalieno is currently in charge of a Private Banking centre.