Il custode della comunità


Lucas Papademos è stato incaricato tre mesi fa di assumere la guida di un governo tecnico che riuscisse a raggiungere lo scopo di ottenere da UE-BCE-FMI (la famosa Trojka) un nuovo pacchetto di aiuti, pari a 130 mld€, che consentisse alla Grecia di non dichiararsi insolvente, essendo impensabile trovare sul mercato altri finanziatori per reperire le risorse necessarie al rimborso dei debiti (titoli) in scadenza.
Uno degli argomenti preferiti di chi avversa questo sistema monetario é quello che il debito greco “non verrà mai rimborsato”. E’ un punto molto rilevante, perché in effetti in questo sistema, non é proprio previsto che il debito si rimborsi.
Si fa un agile rollover, ma non si rimborsa, perché rimborsarlo significa distruggere ricchezza.
Perché il premier Papademos dovrebbe porsi come obiettivo di non fare default? La comunità, in piazza da mesi, chiede di respingere i piani di austerity e rinnegare il debito. Il Parlamento, che rappresenta il popolo in una democrazia, perché si prende il diritto di agire in contrasto a ciò che chiede la piazza?
Trascurando il fatto che:

  1. l’espressione dell’opinione pubblica in democrazia non si fa con le molotov
  2. la democrazia, prevede si nominino dei delegati a decidere per il meglio e non a registrare le richieste della piazze sulle singole istanze

(e trascuro questi due aspetti perché è ovvio che ci troviamo in un momento non-normale in terra ellenica)

La risposta alla domanda di prima é in parte che, naturalmente, il governo greco non desidera generare danni alla potente comunità finanziaria, così come nessuno si sarebbe aspettato mai un provvedimento di Bush contro la Halliburton, per esempio. Però c’è anche l’oggettiva considerazione che -indipendentemente da interessi di lobby-il default non è che sia questo grande affare…

C’è chi cita il caso argentino e la sua crescita di PIL all’8%, ad esempio, trascurando però che l’inflazione supera il 20% e che -a distanza ormai di 11 anni dal default- il 40% della popolazione vive ancora sotto le soglie di povertà. E stiamo parlando di Argentina, un grande Paese con risorse proprie di vasta entità, capace di autoprodursi il necessario per vivere.

In Grecia, considerata la finanziarizzazione corrente, non procedere con l’austerity e fare default significa anche non dover ridurre le pensioni ma… eliminarle del tutto.

Ma perché per concedere dei soldi la Trojka vole questa austerity?? Non può darglieli e basta i sodi alla Grecia così la finiamo qui?

No, caro lettore, i tuoi soldi la UE non li presta così, probabilmente avrebbe dovuto evitare di applicare degli interessi quando intervenne la prima volta (qui un mio post di circa due anni fa sul tema) così da non togliere un problema creandone un altro, ma ormai la frittata é fatta. Dalla Grecia per ogni 100€ che entrano ne escono 110. Darle denaro senza chiedere che questo meccanismo cambi é inutile, significa solo gettare denaro, ed il denaro della UE é anche il tuo, perché anche tu fai parte di una comunità.

Quando sento dire che non é giusto che le tasse aumentino o i servizi vengano tagliati o le pensioni rimodulate e ridotte, e non é giusto perché “io ho sempre pagato le tasse” o “io non ho fatto debiti per vivere” penso che chi lo dice non consideri deliberatamente di appartenere ad una comunità. Alla quale contribuisce e dalla quale riceve, ma che in quanto tale ha un proprio “bilancio”. Se la comunità in cui vivi spende più di quanto incassi, e lo fa stabilmente, prima o poi dovrà chiedere ai suoi partecipanti -inclusi quelli che contribuiscono tanto e utilizzano poco- di partecipare maggiormente o di rassegnarsi a ricevere di meno. Abbiate cura, attenzione e amore per le vostre comunità.

PS: a mezzanotte arriva l’esito del voto in Grecia. Io sarò qui…

Related Posts with Thumbnails
Word To PDF    Invia l'articolo in formato PDF   

About bimboalieno

Operatore finanziario professionale dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere. Si può scoprire dell'altro cliccando qui. Oggi é responsabile di un centro di Private Banking. Professional financial trader since 1998; he has worked with several Italian and foreign banks. You can learn more here. Bimboalieno is currently in charge of a Private Banking centre.