Ai blocchi di partenza, pronti… via! La gara dello spread inizia


Giugno 2011, l’Italia dà i primi segnali di una possibile recessione in arrivo, i BTP trattano con uno spread intorno a 180 punti e il commento più frequente tra gli operatori è: “speriamo lo spread dell’Italia non superi i 200-220 punti altrimenti finirà per avvitarsi e saranno guai seri“. Purtroppo -come ben sappiamo- da Luglio lo spread ha iniziato ad avvitarsi sempre più rapidamente ed oggi ci ritroviamo ad esultare nei giorni in cui lo spread ritorna sotto quota 500… Le riforme di cui il Paese necessita diventano ogni giorno più grandi e difficili da realizzare: lo spread così elevato infatti comporta una elevata spesa per interessi, che di fatto divora parte delle risorse ottenute dalle riforme.
Le finanziarie (due) promulgate quest’estate sono costate ai cittadini diversi sacrifici e nuove imposizioni, ma sono state annullate nei conti dello stato dall’aumento della spesa per interessi.
L’importanza di fare le riforme presto e bene è dunque quella di anticipare i problemi, non solo di evitare di trascurarli invocando i ristoranti pieni mentre la disoccupazione sta al 9%: anticipare i problemi, prevenirli, costa socialmente molto meno che affrontarli di petto quando ormai si sono palesati.
La nostra speranza dovrebbe essere quella di tornare alle nostre care vecchie abitudini, quelle di uno spread intorno ai 100-150 punti, il più presto possibile. Ahimé questo sembra sempre meno probabile, visto che la Francia tratta oggi con spread vicini a 200, considerato che gode per il momento di rating AAA e comunque ampiamente superiore al rating italiano, sebbene sia ormai a crescita quasi zero e con la necessità di una manovra correttiva per riuscire a tenere il deficit sotto il 4,5%. Con la Francia in queste condizioni l’Italia non ha alcuna speranza di tornare sotto i 200 punti di spread. E le imprese italiane dunque hanno poche prospettive di veder ridurre sensibilmente gli oneri finanziari
Mal comune, mezzo disastro

Related Posts with Thumbnails
PDF    Invia l'articolo in formato PDF   

About bimboalieno

Operatore finanziario professionale dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere. Si può scoprire dell'altro cliccando qui. Oggi é responsabile di un centro di Private Banking. Professional financial trader since 1998; he has worked with several Italian and foreign banks. You can learn more here. Bimboalieno is currently in charge of a Private Banking centre.