Scherzi da orso

 


Panic Buying oggi, come l’ha definito Babets. Nel pieno di una fase di panico, un Bear Market epico, che ha fatto tremare anche la più paciosa casalinga portandola a chiedersi se l’Euro stava per essere accantonato, un annuncio coordinato delle principali banche centrali del Mondo mette in scena un rimbalzo violento delle borse, un restringimento degli spread ed un recupero portentoso dell’euro sui mercati valutari.

Ma che cosa è successo, in concreto?

Quale posto migliore del vostro blog alieno preferito per scoprirlo?

La Federal Reserve, la Bank of England, la BCE, la Bank of Japan, la Bank of Canada e la Banca Nazionale Svizzera hanno annunciato una azione coordinata per facilitare le condizioni di liquidità sui mercati mondiali. La Fed consentirà nuovi prestiti in dollari alle altre banche centrali, che a loro volta ne concederanno agli istituti finanziari, allo scopo di ridurre le crescenti difficoltà che le banche stavano incontrando nel finanziare le loro operazioni.

La reazione positiva dei mercati non deve però farci illudere che questa mossa sia risolutiva di alcunché. Le banche Centrali estendono dei programmi che erano già esistenti, agevolando semplicemente le dinamiche legate alla liquidità, tema su cui molte banche lamentavano difficoltà enormi negli ultimi giorni. I problemi strutturali dell’eurozona sono tutti lì inalterati. Come abbiamo già visto molte volte in questi anni, questo genere di manovre sposta in là le lancette dell’orologio che … #TICTACTICTAC inesorabile un minuto dopo riprende a ticchettare. Tuttavia dobbiamo riconoscere che mentre il mondo si interrogava sulla possibile disgregazione della zona Euro, le esigenze europee hanno mostrato di saper aggregare le Banche Centrali del Mondo intero, spazzando -con vigore- dal tavolo le crescenti preoccupazioni sui presunti/possibili egoismi nazionali.

Il tempo che si è comprato va speso bene ora: il nostro stile di vita, la nostra cultura, il nostro approccio al quotidiano è ciò che ci ha portato ad avere problemi. Comprare tempo senza cambiare ciò che crea disallineamenti provoca un solo risultato: che quando il tempo comprato si esaurisce si scopre che i problemi sono aumentati. Dunque grazie a questa nuova opportunità che è stata creata si ha lo spazio per agire in direzione del cambiamento. Una occasione per imparare a vivere diversamente che dobbiamo assolutamente cogliere.

Tra l’altro a corredo della notizia principale sono arrivate news molto gradite anche dalla Cina, dove la PBoC ha prima preparato i mercati annunciando di desiderare una espansione della liquidità (M2) nel 2012 (l’obiettivo dichiarato è portarla dal 12% attuale al 16%) per poi, un paio d’ore dopo annunciare una inversione dalla tendenza degli ultimi anni, ovvero una riduzione dei margini obbligatori per le banche, che dunque sono autorizzate ad assumere un po’ più di leva. Poco cambia nella sostanza: da 21,5% l’obbligo scende a 21% però, anche in questo caso, il messaggio implicito dato al mercato è importante. E a due volti: la manovra, infatti è espansiva perché é frutto del timore di recessione in Cina, a causa di un previsto calo delle esportazioni nella malata Europa.

I leader del Mondo riconoscono la difficoltà del momento, ci metterei anche un “finalmente“. Ogni volta che sento un leader dire che “il mercato si sbaglia, qui va tutto bene” finisco per sbadigliare, chiedermi “Ancora??” e preoccuparmi di più. Ora se il debito ed il rischio contagio vengono riconosciuti come problemi reali, forse qualche speranza che vengano presi sul serio ed affrontati ce l’abbiamo.

Related Posts with Thumbnails
PDF Download    Invia l'articolo in formato PDF   

About bimboalieno

Operatore finanziario professionale dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere. Si può scoprire dell'altro cliccando qui. Oggi é responsabile di un centro di Private Banking. Professional financial trader since 1998; he has worked with several Italian and foreign banks. You can learn more here. Bimboalieno is currently in charge of a Private Banking centre.