Il Pavone Alieno

per fare zoom sulla foto clicca qui

Ci siamo divertiti ogni tanto a giocare con qualche “caccia al tesoro”, si tratta di post che dedico ad aziende (che non nomino) nelle quli vedo del margine di operatività. In fondo è parte del mio mestiere di consulente finanziario andare a cercare certe “perle” e sebbene la cosa più importante sia concentrarsi sugli scenari macro, un po’ di tempo a questa attività e qualche post ogni tanto è giusto che lo dedichi.
Interessante capire se sia tempo ben speso o tempo perso.
Vediamo un po’, così da capire se valga la pena proporne un’altra:


il 22/10/2010 la prima caccia al tesoro si intitolava “Come un ago in un covone, di mele morsicate“, come prima puntata avevo scelto un titolo facile da indovinare: Sandisk. Il valore di chiusura del 22/10/2010 di Sandisk fu 36,99$, ieri il titolo ha chiuso a 51,74$. Il lettore che vinse quella caccia la tesoro è Elgamoth. Applausi.

il 29/10/2010 sull’onda della prima, ne ho lanciata una molto più difficile, che comunque è stata scovata. Il titolo del post era “Thanksgiving” e si parlava di Pilgrim’s Pride, che il 29/10/2010 ha chiuso a 6,10$, il titolo ieri ha chiuso a 8,40$. Il vincitore allora fu Andrea, molto bravo visto che non era affatto facile.

Visto il successo delle prime due, il 28/01/2011, vi ho proposto “L’arte di distinguersi” per parlarvi di un interessante titolo tecnologico: la LiquidMetal Technologies. Un titolo da tenere con pazienza, perché il loro brevetto -i cui diritti di sfruttamento sono stati rilevati da Apple nell’agosto scorso- poteva essere un elemento di svolta improvvisa. Beh, il 28/01/2011 la chiusura fu 0,63$ e oggi tratta a 0,72$, passando per un massimo -mercoledì- di 0,84$ per azione.
Il motivo sarebbe:

“Apple (AAPL) will use Liquidmetal’s (LQMT) material to make the latest versions of the Macbook and Macbook Pro, rather than iPhones as previously expected, according to MacTrast, which cited a source reportedly involved in manufacturing Apple products. Liquidmetal disclosed in an SEC filing last year that it had given all of its intellectual property to Apple.”
[
Link]

e l’effetto:

“After rallying more than 20% on Wednesday, Liquidmetal Technologies Inc. (OTC:
LQMT) shares plunged in today’s trading. Despite the plunge in today’s trading, Liquidmetal shares gained 21.95% in the last three trading sessions.”

Un bravo a Marco, il vincitore, e a Fabio il cui supporto è stato determinante.

Sembrerebbe insomma che no, a parte il divertimento, la Caccia la tesoro aliena non sia un perdita di tempo…

E allora, sempre con lo spirito di poter sbagliare di grosso, e comunque poter dire di aver scelto bene 3 volte su 4, oggi chiudo la ruota da pavone e ve ne propongo un’altra:
sul Nasdaq esistono aziende che hanno sede in Cina, generalmente si tratta di imprese con rapporti prezzo/utili elevati, perché scontano crescite future straordinarie e dunque non tengono molto conto dell’attuale livello degli utili. Evidentemente se poi le attese di crescita non si concretizzano la quotazione del titolo ne subisce duramente le conseguenze. Un modo per evitare questo genere di danni è andare a cercare titoli con un p/e (price/earnings, ovvero prezzo/utili) molto basso. In questo caso parliamo di un p/e bassissimo: inferiore a 4.
Un’altra delle cose da fare, per fare scelte “opportune” è selezionare titoli che operano in settori in crescita. E’ più facile che le cose funzionino dove il vento spira nella giusta direzione. Un settore che va molto bene, dal punto di vista prospettico è quello della banda larga.
La costruzione delle cosiddette “autostrade digitali” è un business che raccoglierà molti investimenti -privati e pubblici- nei prossimi anni. Dunque produrre e commercializzare networks, cable networks, cavi, ponti radio… dovrebbe essere una scelta premiante.
Una piccola, molto piccola società di cable networks ha comprato a Gennaio degli uffici nella città di Zhengzhou -provincia di Henan- dove ha la sede, spendendo 7,8 milioni di dollari per uno spazio di quasi 2900 metri quadri. Una spesa elevata per una società che capitalizza meno di 70 milioni di dollari, sostenibile solo grazie allo straordinario aumento dei ricavi avuto nel 2010 (+50% anno su anno).
L’operazione aggiunge importanti asset tangibili all’azienda e le consentirà ulteriori espansioni del giro d’affari.
Ha tutta l’aria di essere una allettante scelta di posizionamento, ma il titolo è molto trascurato dagli analisti: solo la Rodman&Renshaw si è data la pena di valutare l’azienda, attribuendo all’azione un target price di 14$.
Oggi tratta a 5,56$.
…Vediamo chi si aggiudica questo giro…

Related Posts with Thumbnails
PDF Creator    Invia l'articolo in formato PDF   

About bimboalieno

Operatore finanziario professionale dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere. Si può scoprire dell'altro cliccando qui. Oggi é responsabile di un centro di Private Banking. Professional financial trader since 1998; he has worked with several Italian and foreign banks. You can learn more here. Bimboalieno is currently in charge of a Private Banking centre.